Paolo Taigō Kōnin Spongia

1962

Taigo Konin Spongia

Paolo Spongia Sensei nasce a Roma il 1962.

Inizia la pratica del Gōju-Ryu Karate-Dō all’età di 13 anni con il Gōju-Ryu di derivazione Giapponese affrontando l’esperienza agonistica prima nel Karate e poi, non soddisfatto del sistema messo in campo dalle varie federazioni di Karate dell’epoca, nella Kick Boxing concludendo la sua esperienza nel 1988 quando si battè con successo con il Campione Italiano dei pesi mediomassimi.

Iniziò quindi a qualificarsi come insegnante conseguendo presso la Scuola dello Sport del Coni la qualifica di Maestro Federale Specializzato Coni-Fijlkam. Dopo 6 anni passati come docente federale a cercare di promuovere l’aspetto educativo e formativo del Karate-Dō decise di abbandonare l’ambiente federale perchè invece troppo impostato nell’ambito agonistico.

Nel 1986, fonda il Tora Kan Dōjō, oggi Honbu Dōjō della IOGKF Italia.

Nel 1994 entrò in contatto con la IOGKF incontrando Shunki Sudo Tanaka Sensei riconoscendo finalmente l’autentico Gōju-Ryu di Okinawa. Dopo qualche anno sotto la guida di Sudo Sensei, venne presentato al Maestro Morio Higaonna che lo accettò come allievo diretto e dopo un duro esame privato gli venne riconosciuto il grado di Sandan (terzo dan).

Sotto la severa ed amorevole guida di Higaonna Sensei e dei grandi più grandi Maestri IOGKF (tra cui Shuichi Aragaki Sensei quale allievo del fondatore Chojun Miyagi Sensei ed An Ichi Miyagi Sensei che fu il Maestro di Morio Higaonna Sensei) Spongia Sensei di reca tutti gli anni ad Okinawa e partecipando ad innumerevoli Gasshuku Internazionali e perfezionando la propria tecnica riconducendola all’originale insegnamento del Maestro Chojun Miyagi fondatore del Gōju-Ryu.

Durante il XIV Gasshuku Europeo tenutosi a Mosca, in Russia, nel Luglio 1996 il Maestro Higaonna nominò ufficialmente il Maestro Spongia suo rappresentante in Italia come Capo Istruttore e Responsabile italiano della IOGKF.

Attualmente Sensei Spongia detiene il grado di Nanadan (7°dan) conseguito nel 2015 ad Okinawa, inoltre nel 2009 venne scelto da Higaonna Sensei, insieme ad alcuni tra i più alti istruttori IOGKF al mondo, come membro del Naha Shi Bunka Kyokai, il dipartimento culturale del governo della città di Naha che si occupa di preservare ufficialmente il Gōju-Ryu di Okinawa

L’aspetto filosofico e religioso dell’autentica Pratica delle Arti Marziali, portò Spongia Sensei a divenire discepolo del Maestro Fausto Taiten Guareschi e praticare lo Zen da colui che è riconosciuto come il primo europeo ad aver riceveruto lo Shiho (la Trasmissione dello Zen Soto) quale discepolo del grande Taisen Deshimaru Roshi, e primo europeo a ricevere lo Shiho, la trasmissione dello Zen Sōtō.

Sensei Spongia per più di 15 anni si reca costantemente a Fudenji per prendere parte alle Sesshin (ritiri intensivi di pratica Zen) e praticare sotto la guida del Maestro Taiten da cui ricevette l’ordinazione laica e monastica affidandogli il nome di Dharma Taigō.

Nel 2019 incontra poi Federico Dainin Jōkō Sensei, Abate della Comunità de La Montagne Sans Sommet di Parigi con il quale riconosce da subito una forte affinità spirituale per lo stile di insegnamento Zen.

Nel luglio 2020 ad Orval in Belgio celebra come Shuso la Cerimonia di Hossenshiki e nell’agosto dello stesso anno ad Assisi riceve la Trasmissione del Dharma da Dainin Jōkō Sensei ricevendo il nome da Maestro: Kōnin.

Sensei Taigō Kōnin Spongia non è stato mai interessato agli aspetti carrieristici dell’istituzione religiosa, e considera il proprio compito a guida del Dōjō e della IOGKF Italia, un’occasione preziosa ed efficace per la diffusione dei Principi dello Zen nella società e per aiutare i propri allievi a raggiungere un’armoniosa educazione e formazione attraverso il Karate-Dō e lo Zen.