Kumite

La parola Kumite significa "Incontro di mani" e rappresenta la forma generica del combattimento. Questo aspetto della pratica e' spesso visto come la parte piu' fisica e sportiva, ma in realta' e' molto importante per la crescita psicologica del praticante.
Nel Gōju-Ryū tradizionale di Okinawa sono previsti vari tipi di Kumite: si va dal Sandan Gi dove gli allievi si esercitano in maniera accademica sui tre livelli di altezza (colpi alti, colpi medi e colpi bassi), al Randori dove si allenano con movimenti liberi senza le protezioni, per imparare così a saper sfruttare le varie situazioni del combattimento. Ci sono poi le forme di Irikumi dove con l'ausilio delle protezioni, le tecniche vengono portate in una forma più controllata (Irikumi Ju), oppure in una forma di combattimento piu' realistica, senza controllo (Irikumi Go).

Fanno inoltre parte del Kumite anche i Bunkai, i quali hanno una sezione dedicata vista l'importanza che hanno non solo come forma di combattimento ma anche per lo studio dei Kata.



Torna indietro